9°C
26 Apr. 2017
+
+
0
Annecy - Presqu’île d’Albigny
Annecy - Presqu’île d’Albigny
Sevrier - Club nautico
Sevrier - Club nautico
Talloires-Montmin - Angon
Talloires-Montmin - Angon
Talloires-Montmin - La baia di Talloires
Talloires-Montmin - La baia di Talloires
Veyrier-du-Lac
Veyrier-du-Lac
Le Semnoz - Area nordica
Le Semnoz - Area nordica
Il lago
A+ A-

Scoprire il Lago di Annecy significa concedersi un passaporto per la forma e il benessere, ma anche per la serenità e il relax.

Significa innanzitutto contemplare un paesaggio straordinario, composto di una gamma di colori che vanno dal blu, al verde al bianco grazie alle acque limpide, i boschi e la neve.

Il panorama del lago e delle montagne che lo circondano è dolce, non aggressivo, e tuttavia impregnato del carattere alpino: il lago si trova a 447 metri di altitudine, ma è sovrastato nel punto più alto dalla Tournette, vetta mozzafiato a forma di poltrona, che culmina a 2.351 metri. Qui si può stare in armonia con la Natura che rimane la grande sovrana, perché le parole chiave in quest’area sono, da più di 40 anni:
“rispetto e protezione”.

Ma queste aree protette permettono anche la scoperta e la curiosità, e hanno come obiettivo la perfetta armonia tra paesaggio, abitanti e turisti!

Dal XIX secolo, i turisti provenienti da ogni paese frequentano questo universo adesso noto a tutti.
Sono attratti al tempo stesso dal suo aspetto unico e dalla qualità dell’impegno per la salvaguardia, intrapreso per preservare il lago e i suoi dintorni da qualsiasi forma di inquinamento irreversibile.

Il Lago di Annecy, un’area protetta per le future generazioni

Gli sforzi compiuti fin dal 1957 (data di fondazione del Syndicat Intercommunal du Lac d’Annecy) per ripristinare la qualità delle sue acque, hanno regalato al lago di Annecy un grande riconoscimento a livello internazionale, dimostrato da moltissimi premi e onorificenze.

Nel 1957, le parole “ecologia” e “ambiente” non esistevano ancora, ma queste operazioni perfettamente riuscite di salvataggio del lago, per iniziativa degli abitanti di Annecy, dei veri “visionari” guidati dal Dottor Paul Servettaz e dal Senatore Sindaco Charles Bosson, sono stati fortemente pubblicizzati fin dai primi risultati, e lo restano ancora oggi.

Questo riconoscimento e le frequenti visite di esperti internazionali – che spesso vengono qui ad informarsi su questo esemplare progetto collettivo – provocano negli abitanti delle sponde del lago una grande fierezza, visto che hanno sostenuto questo impegno di disinquinamento del lago e hanno accettato e finanziato i giganteschi lavori resi necessari per garantire il futuro di quest’area.

Le giovani generazioni sono formate costantemente in base alle esigenze di precauzioni e atteggiamenti rispettosi da tenere nei riguardi dell’ambiente.

Il turismo è stato immediatamente collocato in questa prospettiva di preservazione: i diversi slogan come “Annecy Lago Puro” e “Lago di Annecy, ossigeno alla fonte” hanno voluto attirare l’attenzione dei visitatori proprio sull’impegno di salvaguardia, e tutti gli attori del turismo partecipano all’informazione su questo esempio da seguire”.

In questa logica, la candidatura del Lago di Annecy per l’inserimento nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO è stata presentata nel 2008 dal Syndicat du Lac, in rappresentanza del complesso dei comuni rivieraschi, a titolo di sito “naturale e culturale”.

Notizie pratiche sul lago :

Superficie: 27 km² - Lunghezza: 14,6 km - Larghezza: da 0,8 a 3,2 km
Altitudine: 446,97 m - Profondità media: 41 m - Profondità massima: 80 m
Volume: 1 124 500 000 m3